Fragilità visiva: un’occasione per ri-progettare la professione?